il comune

servizi

la città

il comune informa

Fontana del Mascherone e l'Acqua

San-Sisto---Castello.jpg

“Lorenzo Corsini protesoriere e Giuseppe Renato Imperiali prefetto della Congregazione del Buon Governo cardinali di Santa Romana Chiesa, nell’anno 1708, per la provvidenza di papa Clemente XI, curarono che fosse condotta con spesa pubblica l’acqua dal terzo miglio attraverso canali sotterranei, avendo anche costruito un ponte sul fume Fiora”. così l’epigrafe vuole raccontarci, in sintesi, un’altra grande opera pubblica costruita, a spese del comune, durante il XVIII secolo. Ma il travertino scolpito e il volto misterioso del “Mascherone” ci raccontano anche altro: la grande “sete” di buona acqua degli esseri viventi di questa Maremma. L’approvvigionamento dell’acqua è stato uno dei maggiori problemi del nucleo urbano di Montalto. Per molti secoli, questa grave carenza fu risolta per mezzo di una fonte collocata sulla riva destra del fume Fiora denominata “Fonte dell’argento”, probabilmente per il colore dell’acqua che vi sgorgava, non esattamente trasparente.

Nei primi anni del Settecento, anche in seguito ad uno dei ricorrenti e drammatici cali demografci, in cui la popolazione stabile del comune venne calcolata in numero di centottantadue anime, si prese la decisione di effettuare un’imponente opera pubblica per risolvere il problema: costruire un ponte sul fume attraverso il quale condurre l’acqua che si trovava sulla riva destra del Fiora da un luogo defnito “terzo miglio”. La fontana, che prende il nome - appunto - dal mascherone che si trova nel frontespizio ha un ampio abbeveratoio. Un elemento costruttivo, questo, che ci apre ad una visione del passato, quando in terra di Maremma ogni anno, dalle vie della transumanza appenninica, giungevano grandi quantità di bestiame a svernare nella
“Dogana dei Pascoli” e nelle altre grandi distese erbose. Proprio nei pressi della Fontana del Mascherone si trovavano i “rimissini” nei quali venivano rinchiuse le bestie trovate dai “Guardiani del Comune” o dai “Doganieri” fuori dai confni. Risalendo verso la Fontana delle Tre Cannelle e, proseguendo, sulle scale dall’altro della strada, ci troveremo nei pressi delle mura del Castrum Montis Alti.

Fountain of the Mask and the Water

 

“Lorenzo Corsini treasurer and Giuseppe Renato Imperiali prefect of the congregation of the Good Government, cardinals of the Holy Roman Church, in the year 1708, due to the foresight of pope Clement XI, took care with public money that the water of the 3rd mile was carried through subterranean canals, having as well constructed a bridge above the river Fiora”. In this way the inscription tells us another great public work, paid by the city, constructed during the 18th century. But the chiseled Travertine and the mysterious face of the “Mask” tells us something else as well: the great “thirst” of genuine water of the living beings of the Maremma. The water supply has been one of the major problems of city of Montalto. For many centuries this grievous defciency has been answered by a spring on the right-side shore of the river Fiora, called Fonte dell'argento (Silver fountain), probably because of the lack of transparency of the water colour, which originated there. In the frst years of the 18th century, following a dramatic drop in population, in which the residents of the city went down to hunderdeightytwo souls, it was decided to carry out an important public work to solve the problem: construct a bridge above the river on which to carry the water from a location called 3rd mile on the right-side shore. The Fountain, which takes the name from the mask placed on its frontside, has a large drinking trough. A element of the construction, which recalls a vision from the past, where every year great quantities of livestock arrived in Maremma from the pastures of the Apennines to hibernate in the “Dogana dei Pascoli” and in the other great grassy expanses. Right near the Fountain of the Mask were the “rimissini/small remittances”, where the animals, which were found by the city guards and and the customs offcials outside the borders, were confned in. Turning back to the Fountain of the Three Pibes and going up the stairs opposite of it we arrive near the walls of the Castrum Montis Alti.

    share
    Valuta la paginastampa

    Comune di Montalto di Castro P.zza Giacomo Matteotti n. 11 Montalto di Castro, (Lazio) 0766 87011 .

    Effettua l'accesso oppure registrati per inviare la segnalazione.