il comune

servizi

la città

il comune informa

Montalto di Castro - Cenni storici

Le Origini. Per alcuni storici il castrum Montis Alti fu fondato nel V-VI secolo d.C.

dai profughi della città costiera Gravisca, distrutta dai pirati. Altri raccontano che il castello fu fondato nell'VIII secolo da Desiderio, Re dei Longobardi. Entrambe le ipotesi non sono supportate da documenti. Montalto esce dalla leggenda ed entra nella storia solo nell'852 d.C.: in una bolla di Papa Leone IV diretta al vescovo di Tuscania, compare, per la prima volta, il nome Montis Alti.

 

Il Medioevo. Tra i secoli XI e XII Montalto subì gravi distruzioni. La più famosa è quella del 1109 quando Papa Pasquale II, per sconfiggere Stefano dei Corsi, fece distruggere, dalle milizie normanne, il castello in cui si era arroccato. L'Età Medievale deve essere ricordata anche per la fioritura del porto: situato nella foce del fiume Fiora, costituì un approdo importantissimo per le rotte tirreniche, specie per l'imbarcazione dei grani. Il centro storico raggiunge la sua massima espansione urbanistica: nel Trecento, infatti, ospita più di mille uomini. Per questi motivi diventa un territorio ambito: oltre al Papa se lo contendono il Comune di Roma, gli Orsini, i Prefetti di Vico. Le continue battaglie di quest'epoca, la Cattività Avignonese e la difficile congiuntura economica mettono in grave crisi il paese che scende da mille a 250 uomini.

La difficile condizione migliorerà, in parte, nel 1421 quando papa Martino V, interessato a mantenere nella zona un centro abitato per sorvegliare la Dogana dei Pascoli, scrisse una bolla in favore del ripopolamento della zona. Da questo momento il territorio di Montalto si lega indissolubilmente al sistema agro-pastorale, alla transumanza e al lavoro stagionale. La malaria e le dure condizioni di vita degli abitanti renderanno costante il pericolo di spopolamento. Saranno le continue migrazioni dagli Appennini e dalla Corsica a scongiurare questa possibilità.

  

 

Dal Cinquecento all'Anno terribile. Per volontà di Papa Paolo III, il 22 dicembre 1535 il paese di Montalto e il suo territorio viene concesso in feudo a Pier Luigi Farnese, suo figlio. Dopo qualche anno si costituisce il Ducato di Castro. Montalto vive una breve fase fiorente. Nel Seicento, invece, avviene un rapido declino, in linea con la particolare congiuntura economica europea. Il colpo finale è dato dalle tremende guerre contro Castro: nel 1649, la città, viene rasa al suolo e il suo territorio torna a far parte dello Stato Pontificio.Le condizioni socio-economiche di Montalto però non ne giovano, anzi. Su tutto il territorio, dato in affitto ad un Appaltatore generale, domina la pastorizia e la coltivazione estensiva del grano. I primi anni del Settecento sono ricordati come gli anni terribili di Montalto. Nel 1709 la comunità raggiunge il suo minimo storico: centottantadue abitanti. Il Governo pontificio si accorge della miserevole condizione di questa popolazione e si accinge ad una serie di importanti investimenti: il ponte sul fiume Fiora, sotto il quale passa anche l'acquedotto per la Fontana del Mascherone e la costruzione del nuovo ospedale di San Sisto.

 

La lotta per gli usi civici e Pio VI. Il Comune di Montalto di Castro inizia, verso la metà del secolo XVIII, la lotta contro gli Appaltatori in difesa degli Usi civici. Le liti legali intentate in questi anni sono numerosissime e conducono il Comune ad un indebitamento cronico. Sarà nuovamente un Papa a tentare di risollevare la popolazione di Montalto: Pio VI. Nel 1778, con un Motu Proprio, annulla i debiti, abolisce dazi e gabelle, pone i proventi del Comune sotto l'Amministrazione della Camera Apostolica, aumenta i diritti di uso civico, stimolando la coltivazione delle terre e il ripopolamento. Questa serie di riforme generò dei risultati positivi, pur non modificando le strutture di base e i problemi endemici di quella società: malaria, povertà, epidemie. La popolazione nel 1783 arriva alla soglia della seicento unità, nasce una borghesia agricola, viene avviata una vasta opera edilizia: costruzione della chiesa di S. Maria Assunta e della nuova fontana delle Tre Cannelle, innalzamento di un piano del Castello Orsini e costruzione di nuove abitazione sia nel centro che fuori per rispondere all'aumento demografico. L'economia subisce un'ulteriore impennata con il passaggio dal sistema di affitto a quello di enfiteusi voluto dal tesoriere Fabrizio Ruffo. È di questi anni la nascita di Pescia Romana. Passata in enfiteusi allo spagnolo Consalvo Adorno, diventa grande azienda agricola: nel 1795, per volontà dell'Adorno, sorge un grande casale al centro della Tenuta, il palazzo oggi chiamato Borgo Vecchio.

 

Dall'Ottocento alla Riforma Agraria. Tra il 1798 e il 1814 tutto il territorio della Chiesa subisce numerosissimi passaggi di truppe e due lunghe invasioni: quelle dell'esercito francese. Al ritorno del Papa, nel 1815, ritroviamo una Montalto spopolata e debole. Inizia così un secolo che vedrà nei continui attacchi agli usi civici, nella definitiva privatizzazione delle terre demaniali e nel perdurare dei vecchi sistemi di sfruttamento, la nascita delle grandi proprietà e la proletarizzazione dei suoi abitanti. I grandi proprietari di Montalto si alternavano al comando del Consiglio Comunale più per interesse privato che pubblico. Tale situazione non mutò affatto dopo la Breccia di Porta Pia: la Monarchia italiana - concentrata a risolvere i primi problemi dell'Unità e del Meridione - abbandonò a se stessa la Maremma: sempre più inghiottita dalla malaria, sempre più vicina ai suoi briganti. Solo con il duro attacco al brigantaggio di fine secolo, con le prime campagne antimalariche e grazie alla nuova congiuntura economica di inizio XX secolo si avvertono i primi sintomi di cambiamento. Finalmente il popolo esce dal ruolo subalterno in cui era stato emarginato per secoli. I primi anni del Novecento devono essere ricordati, oltre per il tributo di sangue versato dai montaltesi nella Grande Guerra, soprattutto per le Invasioni delle terre. Un movimento che, parzialmente interrotto durante il Ventennio e ripreso al termine della Seconda Guerra Mondiale, vedrà nella Riforma Agraria del 1950, con l'esproprio ai grandi proprietari e la lottizzazione, il suo compimento.

 

Per approfondimenti visita il sito de "Il Campanone", la rivista storica di Montalto e Pescia Romana.

 

 

                                                                                                                                        Daniele Mattei

Gallerie

Montalto di Castro - Cenni storici

Porto Fiora
Mascherone
Torre Comune
Aratro
    share
    Valuta la paginastampa

    Comune di Montalto di Castro P.zza Giacomo Matteotti n. 11 Montalto di Castro, (Lazio) 0766 87011 .

    Effettua l'accesso oppure registrati per inviare la segnalazione.